5 peccati

Perdonami padre, perché ho peccato.

A che ora i miei cinque sensi mi hanno tradito e sono diventati portali per peccare?

Come ha potuto una donna far emergere queste emozioni che non conoscevo e farmi perdere la mia volontà riguardo alle mie azioni?

I miei occhi, con i quali ho sempre contemplato il mondo in modo ragionevole, sono ora diventati il ​​mio più grande nemico. Mi mostrano cose che non ho mai visto prima, ma la parte peggiore è che non posso allontanarle da lei.

Non è solo il suo corpo. Non è solo quando si muove, quando le sue curve sono contornate da la sensualità di la serpente. Non è solo quando mi domina con il suo peso su di me. Non è solo la visione del suo seno che trema dal respiro corto. Ciò che tormenta la mia mente è la sua faccia.

Il suo volto, con lineamenti fini, quasi angelici, diventa l’immagine della perdizione, un volto che non posso non vedere. I miei occhi lo accarezzano, corrono ogni piccolo gesto, ogni minimo cambio di espressione. I suoi occhi, o il suo modo di chiuderli, il sorriso malvagio quando mi desidera e mentre le mie mani sperimentano il suo corpo è qualcosa di impossibile da ignorare anche con la più grande volontà

Anche lei mi chiedi di non guardarla, che non vuole sentirsi osservata, nemmeno il suo ordine è in grado di farmi provare a soddisfare una fame insaziabile di vedere tutto, di riempirmi di ombre disegnate alla luce della candele.

Anche adesso, quando non c’è più, il ricordo mi ritorna senza riuscire a fermarlo. Anche chiudere gli occhi è inutile, perché la sua immagine è impressa nella mia mente.

La sensibilità del mio corpo si è ribellata con una forma di piacere che non conoscevo. Quando le sue mani attraversano il mio corpo, mi perdo nella più deliziosa sensazione che abbia mai provato. Ma questo non è niente in confronto a sentire la sua pelle.

Oh … la sua pelle, morbida e setosa. Anche le imperfezioni che appaiono qua e là servono solo ad accentuare la meraviglia del resto della sua fisionomia. È così facile camminare con le dita per lei, che posso passare dalle tue mani, attraverso le braccia, il seno, la vita e finire ai piedi con un movimento fluido. Le mie mani diventano fiumi che divorano ogni centimetro della sua pelle mentre attraversi il flusso delle sue forme.

Anche le mie labbra vogliono unirsi a questa festa di sentimenti, invidiosi e desiderosi di partecipare. Divoro con bocca e denti ogni sinuosità, che non esiste una iota senza essere baciato o morso, nel tentativo di soddisfare una fame che, lungi dal farlo, sta aumentando sempre di più. Un appetito che aumenta fino a minacciare di farmi impazzire.

Ma se questo suggerisce che il piacere di sentire il suo corpo era qualcosa di insormontabile, non lo è, perché nessuna delle precedenti può essere paragonata a deliziare quando le mie labbra fanno l’amore con il suo. È lì che trabocca la mia oscurità e perdo la traccia del mio essere, quando perdo il desiderio di vivere preferendo morire in bocca, perché nulla può soddisfarmi più come fa il suo bacio.

La gioia dei miei sensi trova un altro nuovo mondo riempiendomi con il suo sapore, il sapore della sua bocca, la sua pelle, il sapore del suo seno, un sapore che mi porta in altri mondi e mi ha reso dipendente.

Il suo odore mi riempie le narici. Mi perdo inalando il suo profumo, annusandolo ovunque, mentre ascolto come ride, senza capire la mia strana perversione. È il suo odore, un leggero aroma, il mio oppio personale a cui sono dipendente.

Questo è quando i loro gemiti rompono il silenzio. Mi chiedono di smettere ma il loro sguardo mi chiede di continuare. Il modo in cui mi sussurra all’orecchio che io sono il suo giocattolo del piacere, coprendosi la bocca per affogare il suo piacere, è ciò che fa emergere una furia interiore e mi fa pressare contro di me, e lei fa lo stesso.

Ci stringiamo in un abbraccio disperato, provando a stare sul corpo dell’altro, e con le unghie corrompo la perfetta bellezza della sua schiena. Lei geme, la sua voce stimola ancora di più il mio desiderio e labbra e denti si fondono con la sua pelle.

Non sono più un essere umano. Sono un animale, il suo giocattolo, come ha detto.

Sono stato da quando i miei sensi mi hanno tradito. Si sono rivelati per mettermi al tuo servizio. Mi hanno fatto venire voglia di soddisfare questa fame per perdermi nel loro profumo, nella loro pelle, nel voler tutto senza limiti. Voglio tutto da lei, tutto ciò che lei vuole darmi. Tutto! Possa la sua voce frustare la bestia che risiede in me per soddisfare tutti i desideri, i suoi e i miei, una bestia spinta come un animale domestico a suo piacere.

In realtà, padre, non voglio il tuo perdono. Ho peccato… e lo farò di nuovo.

Ne sono persino orgoglioso…

Un comentario sobre “5 peccati

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios .